Tiranno Sussurrante

Tar-Baphon

Il re stregone Tar-Baphon fu ucciso da Aroden sull’Isola del Terrore (al centro del Lago Encarthan) nell’896 CA. I suoi resti finirono in quella che sarebbe poi divenuta Ustalav.

Nel 3203 CA riuscì in qualche modo ad utilizzare il potere della Via Sussurrante per tornare come lich. Un antico tomo, Sussurri degli Immortali, presumibilmente scritto da un discepolo di Tar-Baphon, documenta la sua transizione nella non morte. Ad ogni modo ci sono diversi dubbi sulla sua autenticità.

Il suo obiettivo era quello di attirare l’attenzione di Aroden per ottenere la sua vendetta, ma il dio non raccolse la sfida. Auto rinominatosi Tiranno Sussurrante, Tar-Baphon unì gli orchi di Belkzen sotto il suo comando e conquistò Ustalav.

Secoli dopo, nel 3754 CA, Taldor cercò di cacciare il Tiranno Sussurrante, sollevando il conflitto che sarebbe divenuto noto come la Crociata Splendente. Le forze di Taldor furono aiutate dal regno nanico di Kraggodan (oggi chiamato Nirmathas), e dai Cavalieri di Ozem.

Nel 3801 CA, i crociati finalmente stabilirono una testa di ponte nella città (a quei tempi) Ustalava di Vellumis, ed iniziarono il lento ma brutale processo di avanzamento verso la capitale del Tiranno, Gallowspire.

Nel 3818 CA, i crociati raggiunsero Gallowspire. Il generale Taldoriano, Arnisant, combattè il Tiranno e usando l’artefatto conosciuto come Scudo di Aroden fu in grado di resistere alla magia del lich. Quando infine lo scudo si ruppe, questo bruciò il lich con fuoco sacro, indebolendo abbastanza il Tiranno per permettere ai crociati di imprigionarlo sotto Gallowspire. La provincia di Lastwall (ora uno stato indipendente con lo stesso nome) fu istituita per fare da guardia alla prigione del Tiranno.

Tiranno Sussurrante

Brividi a Ustalav LordPhobos