Home Page

Benvenuti!

Su tutto Golarion si raccontano storie di oscure figure che aspettano negli angoli bui… storie narrate ai bambini nel letto riguardano creature bestiali che compaiono solo quando la luna è corretta, e le leggende attorno al fuoco parlano di entità ultramondane aldilà della nostra conoscenza, la cui semplice esistenza va oltre ciò che la mente umana può sopportare di sapere. Sono le leggende che spiegano dove sia finito il sangue della mucca di famiglia, e perchè i chierici passino così tanto tempo per assicurarsi che i precisi rituali di Pharasma siano osservati presso i cimiteri di tutte le regioni del Mare Interno. Potranno anche essere semplici storie di paura ad Absalom o Westcrown, ma in Ustalav, tutti conoscono la realtà che sta dietro a ciò che bussa nella notte.
In questa campagna, gli orrori della notte diventano innegabilmente reali mentre i PG intraprendono un viaggio che deciderà il futuro della nazione.

Panoramica di Ustalav

L’Immortale Principato di Ustalav giace sulla sponda settentrionale del Lago Encarthan, un cupo bastione della civiltà nel mezzo del barbarico nord, dove un’aspro territorio dalla storia ricca di tragedie ispira sfiducia, devozione religiosa e superstizione in una variegata popolazione. Un conglomerato di contee più o meno affiliate, ognuna guidata da nobili feudali in competizione per potere e influenza, Ustalav è una patetica imitazione della sua gloria passata, prima che fosse soggiogata per secoli di schiavitù per mano degli eserciti di non morti del Tiranno Sussurrante.
Mentre le classi superiori della nazione sono intenti a competere con quelle nazioni che le abbandonarono a cavarsela da sole dopo la sconfitta del Tiranno Sussurrante, al cittadino medio Ustalavo passa molto peggio.
Centinaia d’anni di soggiogazione ed i residui orrori che piagano la campagna hanno lasciato il popolo di Ustalav sospettoso della magia, della religione, degli stranieri e dei propri concittadini e vicini. Oltre alle loro qualità eccentriche e insulari, gli Ustalavi hanno spesso una cupa visione del mondo. Si rassegnano a vite di sofferenza, non vedendo nulla nella storia della loro gente che possa suggerire una qualsiasi speranza per una vita migliore.
Nonostante le difficoltà fisiche e psicologiche che impone sulla sua popolazione, Ustalav indubbiamente vanta una stirpe resistente e tenace: uomini e donne che fermamente credono che non importa quanto stia andando male, la storia insegna che potrebbe sempre essere peggio.
Anche se Ustalav ha poco da offrire ai suoi paesani rurali, gli abitanti delle sua molte città metropolitane se la passano meglio in qualche modo, ed i centri di apprendimento e di cultura che forniscono attirano commerci e viaggiatori da tutta la regione del Mare Interno.
La capitale, Caliphas, giace sulle sponde del Lago Encarthan, e le sue strade nebbiose ospitano alcuni dei più stimati centri di accademia e commercio della nazione. Nel nord, la città di Karcau vanta una vivace cultura di musica, teatro ed altre arti raffinati, e la sua opulente architettura rivaleggia con gli eccessi persino dei più esotici palazzi di Taldor.
Allo stesso tempo, le contee nordoccidentali di Ustalav hanno rotto i loro legami con l’aristocrazia e formato i loro governi locali democratici senza nobili, autonominandosi i Palatinati e portando una scintilla di speranza per le genti oppresse dell’Ustalav provinciale.

E’ qui, nell’Immortale Principato, che la campagna avrà luogo… e mentre viaggerete fra le varie contee i vostri personaggi progrediranno da semplici portatori di bare ai potenziali salvatori della nazione.
Internamente variegata come una nazione può essere, Ustalav è la vostra nuova casa, e le possibilità per fama, fortuna e influenza sono spesse come la nebbia che striscia attraverso le fumose brughiere nella notte.







Cliccate qui sotto per trovare TUTTE le regole di Pathfinder che vi possano servire.

Regole di Pathfinder

Home Page

Brividi a Ustalav LordPhobos